Normativa Europea

Direttiva 2006/54/CE - relativa all'attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego

Direttiva 2002/73/CE - modifica la direttiva 76/207/CEE relativa all'attuazione del principio della parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e le condizioni di lavoro

Direttiva 2000/78/CE - che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro

Direttiva 96/34/CE - concernente l’accordo quadro sul congedo parentale concluso dal UNICE, dal CEEP e dalla CES

Direttiva 92/85/CEE - riguardante l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento

Normativa Nazionale

L. 183/2010 L'art. 21 unifica in un solo organismo chiamato Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunita', la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, le competenze dei Comitati per le Pari Opportunita' e dei Comitati paritetici sul Mobbing. Il Comitato Unico di Garanzia, all'interno della Pubblica Amministrazione, ha compiti propositivi, consultivi e di verifica e opera in collaborazione con la consigliera o il consigliere nazionale di parita'. Esso  dovà contribuire all'ottimizzazione della produttivita' del lavoro pubblico, al benessere organizzativo, alla tutela contro le discriminazioni e la violenza sia morale che psichica sul lavoratore-  Gazzetta Ufficiale del 9 novembre 2010, n. 262

D.Lgs 198/2006 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246”

TU 151/2001 “Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità”

L. 53/2000 “Disposizioni per il sostegno della maternità e paternità, per il diritto alla cura ed alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città” alla quale si deve l’introduzione in Italia della disciplina dei congedi parentali

L. 215/1992 “Azioni positive per l'imprenditoria femminile” favorisce la creazione e lo sviluppo dell'imprenditoria femminile, agevola l'accesso al credito e favorisce la qualificazione imprenditoriale e la gestione delle imprese familiari da parte delle donne

L. 125/1991 “Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro” Questa legge è stata recepita dal Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna D.Lgs 198/2006

L. 903/1977 “Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro; divieto di discriminazione diretta tra uomini e donne nel lavoro”. Recepita dal Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna D.Lgs 198/2006

Legge 1204/1971 “Tutela delle lavoratrici madri”

Legge 15/2009 “Delega al Governo finalizzata all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni”

Normativa Regionale

L.R. 3/2008 “Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario” promuove condizioni di benessere e inclusione sociale della persona, della famiglia e della comunità

L.R. 22/2006 “Il Mercato del Lavoro in Lombardia” promuove azioni di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro

L.R. 34/2004 “Politiche regionali per i minori” sostiene le famiglie con minori, nell’assolvimento dei compiti educativi e di cura

L.R. 28/2004 “Politiche regionali per il coordinamento e l’amministrazione dei tempi delle città” da attuazione alla Legge 53/2000

L.R. 23/1999 “Politiche regionali per la famiglia” Promuove il servizio pubblico e privato alla persona e alla famiglia, il potenziamento dei servizi socio-educativi, agevolazioni finanziarie e l’associazionismo familiare